la mort i la primavera

di Vito Santoliquido

 

nighttime, xx. pensieri di bellezza si amano al rumore della pioggia. mille goccioline, tic-tac tic-tic tac: bianche bugie minimal e sfocatamente snob. come te, un pochino. sofisticato, dici – retrò. un crittogramma per due, cacatua sub-normale. rido – ridi. miao, Barbablù! e pensieri carini si amano per ombra. teatrino d’ombre cinesi, m’immagino; canzonetta blues, sottofondo. infradito, maglione viola, ombrello, e via! sta’ dritto, la gobba che ti fa il trench! storti fiorellini di glicine che il vento vuol celare: i nostri bacetti.

 

 

Vito Santoliquido
12.9.12
Licenza Creative Commons