Aborti

 

Candido mi spengo alla tua anima
nera – E lungi son dall’essere come
dal non essere: sono meno di quel
che son di solito, così sottomesso

alle voglie delle tue cosce – Osceno
demiurgo, plasmami la pasta molle
del corpo – Dentro, non tenero, amore,
su! – Imparati l’amore, anima chiara.

 

 

Vito Santoliquido
8.9.12
Licenza Creative Commons